Template of Embodiment

Training condotto da Matthew Appleton e team.

A Bologna.

4 seminari a partire da novembre 2023.

 

Questo corso residenziale è composto da 4 moduli, ciascuno della durata di 4 giorni. Fornisce un contenimento sicuro e premuroso per consentire ai partecipanti di esplorare i propri modelli di incarnazione. Questi sono i modelli di sperma, uovo, concepimento e impianto. Ognuno di questi modelli porta con sé impronte archetipiche, che ci modellano per diventare ciò che siamo. Il corso offre ai partecipanti l’opportunità di apprendimento teorico, esplorazione esperienziale e rischematizzazione personale.

 

Panoramica del corso

Ogni cellula del tuo corpo ha origine dallo sperma e dall’uovo dei tuoi genitori e porta con sé il ricordo di quelle cellule originali. Queste memorie cellulari informano la nostra vita attuale in modi di cui siamo a malapena consapevoli e tuttavia sono estremamente potenti. Qui, al culmine del punto in cui la coscienza incontra la vita biologica, si svolgono potenti drammi di cui possiamo trovare eco nel mito antico e nei moderni successi di Hollywood. Le forze archetipiche sono all’opera nei nostri inizi, che modellano il senso di chi siamo, perché siamo qui e quali significati portano le nostre vite. Ognuno di noi ha la propria storia che risale alle nostre prime esperienze di incarnazione. Gli psicologi prenatali hanno mappato le fasi specifiche che attraversiamo prima del concepimento, al concepimento e all’impianto. Tutti dobbiamo sperimentare questi modelli di incarnazione per essere qui. Mentre attraversiamo ciascuno di questi stadi, veniamo impressi da quel particolare modello a livello biologico, psicologico e archetipico.

Mentre la scienza ha tradizionalmente liquidato queste prime esperienze come meri processi meccanicistici, la ricerca all’avanguardia nei campi della biologia cellulare e degli studi sulla coscienza sta supportando ciò che gli psicologi prenatali sanno da tempo; ciò che diventiamo ha le sue radici nel modo in cui siamo cresciuti. I quattro workshop esplorano questi modelli primari attraverso processi incarnati che ci connettono con i nostri inizi, in modo che possiamo capire come sono stati forgiati il ​​profondo sé emotivo e i filtri percettivi con cui sperimentiamo il mondo. L’opportunità di identificare e risolvere il trauma associato a questi modelli ci aiuta a essere più pienamente incarnati nel presente e meno guidati da strategie di sopravvivenza autolimitanti che non ci servono più. Vi sarà il tempo per ricercare e onorare le nostre storie personali e per l’integrazione di nuove possibilità. Questi laboratori sono aperti a chiunque sia interessato ad esplorare questi territori formativi. La ricerca personale attraverso esercizi esperienziali incarnati è supportata da sessioni di insegnamento teorico, dispense e discussioni di gruppo.

Struttura del corso

Il corso è residenziale e si compone di quattro moduli, ognuno dei quali della durata di quattro giorni.

I partecipanti sono incoraggiati a seguire tutti e quattro i moduli, non è possibile partecipare solo ad alcuni dei seminari proposti. Alla fine del quarto modulo viene rilasciato un attestato di completamento.

 

Modulo uno: Il modello dello sperma

Il nostro incontro con lo sperma a livello dell’anima ci porta in relazione con l’archetipo maschile, con il mandato biologico della vita espresso specificamente dallo sperma e dalla coscienza cellulare di nostro padre. La nostra essenza incarnante diventa “impigliata in questi eventi e impressioni che ci modellano per diventare ciò che siamo”. La memoria corporea dei movimenti cellulari dello sperma viene facilmente evocata e le impronte di questa prima esperienza cellulare vengono portate alla consapevolezza cosciente. I temi che costellano il modello dello sperma includono:

  • Perché la nostra coscienza incarnante è stata attratta dal nostro particolare padre.
  • Come le sue convinzioni, sogni, paure, storia personale e ancestrale, rapporto con nostra madre, dieta, stato di salute e atteggiamenti nei confronti della sua mascolinità e sessualità hanno impresso le nostre cellule e la nostra psiche.
  • Il modo in cui la vita biologica dello sperma ha informato la nostra esperienza di incarnazione nella forma fisica e sta operando attivamente nella nostra vita odierna.
  • Come sono stati forgiati i nostri atteggiamenti nei confronti della sessualità e della mascolinità.
  • Come i nostri ritmi fisiologici sono stati influenzati dal mandato biologico dello sperma.
  • Il modo in cui lo scopo della nostra vita è stato potenziato o inibito dall’impronta del modello spermatico.
  • Il nostro atteggiamento verso la morte e il modo in cui questa cellula, che deve morire affinché la vita continui, informa le nostre paure o l’accettazione della morte.

 

Modulo due: Il modello dell’uovo

A differenza dello spermatozoo che ha una vita di sole tre settimane all’interno del corpo di nostro padre, l’ovulo è presente da decenni all’interno del corpo di nostra madre. Si è formato all’interno dell’ovaio di nostra madre, mentre era ancora in gestazione nel grembo della nostra nonna. Questo ci collega potentemente alla linea matrilineare, attraverso gli incontri cellulari diretti con nostra madre e nostra nonna. L’uovo è intriso delle storie personali di queste donne e del femminile archetipico. Fino all’ovulazione l’uovo è rimasto stazionario e in relazione con tutte le sue “uova sorelle” all’interno dell’ovaio. La memoria corporea dell’uovo è dentro tutti noi e porta con sé questa lunga storia all’interno del corpo di nostra madre, così come gli eventi che si sono verificati con l’ovulazione. I temi che costellano il modello dell’uovo includono:

  • Perché la nostra coscienza è stata attratta dalla nostra madre particolare.
  • Come le sue convinzioni, sogni, paure, storia personale e ancestrale, rapporto con nostro padre, dieta, stato di salute e atteggiamenti nei confronti della sua femminilità e sessualità hanno impresso le nostre cellule e la nostra psiche.
  • Il modo in cui la vita biologica dell’uovo ha informato la nostra esperienza di incarnazione nella forma fisica e sta operando attivamente nella nostra vita odierna.
  • Come sono stati forgiati i nostri atteggiamenti nei confronti della sessualità e della femminilità.
  • Come il nostro rapporto con il cambiamento, il successo e la perdita di comunità è stato influenzato dal mandato biologico dell’uovo.
  • Il modo in cui lo scopo della nostra vita è stato potenziato o inibito dall’impronta del modello dell’uovo.
  • Come la linea matrilineare scorre come un fiume profondo dentro ognuno di noi e porta la sua storia di persecuzioni e discriminazioni, saggezza e potere.

 

Modulo tre: L’alchimia del concepimento

Il concepimento è spesso pensato come un evento unico, ma dal punto di vista dell’anima è una serie di eventi, ognuno con un proprio tema archetipico ed esistenziale. Con il concepimento entriamo più in profondità nel mondo della vita incarnata. È la soglia profonda tra il luogo da cui veniamo e le condizioni del mondo in cui stiamo entrando. Il concepimento è un processo veramente alchemico in cui gli elementi maschili e femminili dello sperma e dell’uovo si fondono e la natura biologica dell’uovo fecondato e la natura spirituale dell’anima si fondono. Con la morte dello sperma l’ovulo si trasforma per sempre, così che una nuova vita possa cominciare a prendere forma. Successivamente l’uovo inizierà a dividersi e queste “cellule figlie” (blastomeri) si differenzieranno nel tempo per formare i vari organi e strutture che compongono il nostro corpo. La nostra memoria corporea del concepimento è accompagnata dal dispiegamento fisico della nostra struttura. I temi che costellano attorno al concepimento includono:

  • Come la nostra coscienza incarnante è stata cambiata dagli atteggiamenti emotivi e sessuali dei nostri genitori al momento del concepimento.
  • Come siamo stati colpiti da droghe o alcol che erano presenti in quel momento.
  • Se ci siamo sentiti ingannati, intrappolati o accolti nella vita incarnata e come questo informa la nostra attuale esperienza di fiducia, autostima e senso di appartenenza.
  • Il modo in cui il nostro impegno per lo sviluppo continuo e la differenziazione (individuazione) è influenzato dal concepimento.
  • Come si forma la nostra fiducia nella sessualità e nell’intimità.
  • Il modo in cui sperimentiamo i nostri aspetti interni maschili e femminili e la loro incarnazione da parte degli altri.

 

Modulo quattro: Il portale dell’impianto

Proseguendo dal concepimento si prosegue lungo la tuba di Falloppio fino all’impianto. Questa è la prossima grande soglia tra il luogo da cui veniamo e le condizioni della vita incarnata. Si stima che tra il 40 e il 60% delle blastocisti non si impiantano con successo e quindi non sopravvivono. A livello profondamente esistenziale lo sappiamo e la fase dell’impianto porta con sé questa qualità di rischio. Per coloro che riescono a sopravvivere l’uovo fecondato (blastocisti) si insinua nella parete dell’utero. Questo è davvero un portale da un mondo a un altro. Questo è il momento in cui possiamo “assaporare” il sangue di nostra madre per la prima volta. In quanto tale, è un precursore del rapporto ombelicale con la madre. Questo primo assaggio, che include la sua biochimica emotiva e tutte le tossine che ha ingerito, ci infonde le impressioni del mondo in cui stiamo entrando. La memoria corporea di queste impressioni iniziali colora la nostra esperienza di essere qui nel momento presente. I temi che costellano attorno all’impianto includono:

  • Il nostro rapporto con il denaro, il cibo e l’intimità
  • Il nostro senso di casa o mancanza di esso
  • Il nostro senso di sicurezza: “sopravviverò qui?”
  • Come sperimentiamo e gestiamo la tossicità, sia emotiva che ambientale.
  • Come soddisfiamo i nostri bisogni nel mondo.
  • Cosa dobbiamo lasciarci alle spalle per poter sopravvivere?
  • Come gestiamo le transizioni: cosa ci ha detto il passaggio attraverso il portale dell’impianto sugli stati di transizione?

 

 

Il percorso è gestito in collaborazione con l’ associazione Inflow Biodinamica Trentino-Alto Adige.

 

Date:

  • 9 – 12 Novembre 2023
  • 25 – 28 Aprile 2024
  • 7 – 10 Novembre 2024
  • 21 – 24         Marzo 2025

 

Location: Hotel Ca’ Vecchia, Via Maranina 9, 40037, Sasso Marconi (BO)

Email:  toe.training@gmail.com

Website: www.inorigine.it/corsi/

Tel: +39 328 9665205