Integrative Baby Therapy Training con Matthew Appleton

A Tossignano (Bologna) dal 24 maggio 2019 Questo training di 8 moduli combina lezioni teoriche, dimostrazioni di lavoro con la famiglia, esercizi esperienziali e condivisioni di gruppo. Insegna a comprendere il Baby Body Language, il linguaggio preverbale del neonato e a dialogare con il bambino guardandolo nel suo contesto relazionale. Il training si rivolge ai practitioner che lavorano già con i bambini e che vogliono approfondire la loro comprensione su come i neonati comunicano la loro esperienza prenatale e di nascita. Il training è anche molto significativo per chi vuole capire l’impatto che le esperienze precoci hanno nella vita dei bambini più grandi, negli adolescenti e negli adulti.
Si rivolge principalmente agli operatori di craniosacrale, osteopati, ostetriche, doule, neonatologi, pediatri, infermiere pediatriche, consulenti dell’allattamento, psicoterapeutipsicologi, danza terapeuti, musico-terapeuti, e insegnanti del movimento in gravidanza.
L’Integrative Baby Therapy si basa sulla Psicologia Pre e Perinatale, la psicoterapia corporea e la Craniosacrale Biodinamica. Attinge alle ricerche più recenti nell’area dell’autoregolazione del sistema nervoso, neurobiologia, epigenetica, embriologia fenomenologica, la teoria del campo, la teoria dell’attaccamento, trauma, consapevolezza e studi cross-culturali. Si basa inoltre su una esperienza didattica e clinica di più di vent’anni.
Sede del corso
Il corso è residenziale e si svolge a Tossignano, un piccolo borgo sull’appennino a 12 km
da Imola nella residenza di Villa Santa Maria, un centro di esercizi spirituali avvolto
dalla natura e dal silenzio. Ogni modulo è di 3 giorni. Venerdì ore 10-18,
sabato ore 9,30-18, domenica ore 9,30-16,30

Certificazione LIVELLO 1: Integrative Baby Therapy Foundational Skills. Il certificato viene riconosciuto dal Conscious Embodiment Trainings, agli operatori che hanno completato il training e partecipato ad almeno due seminari sul proprio processo di nascita e prenatale. LIVELLO 2: Integrative Baby Therapy Practitioner Level. Oltre ai requisiti richiesti per Livello 1, sono richiesti due ulteriori seminari sul processo prenatale e di nascita, sei sessioni di supervisione e una tesina che illustra un case-study di una sessione di Integrative Baby Therapy.

Docente: Matthew Appleton MA RCST UKCP

Da oltre vent’anni tiene seminari e conferenze dedicati alla consapevolezza Pre e perinatale in Inghilterra, Europa, Sud Africa e Stati Uniti. Direttore di Conscious Embodiment Trainings con sede a Bristol (UK). Psicoteraputa corporeo (Core Process Psycotherapist), operatore di Craniosacrale. Da lungo tempo lavora con i neonati, i bambini e gli adolescenti.  Si è formato in psicologia pre e perinatale con Karlton Terry in Svizzera. E’ insegnante senior con l’ Institute of Pre and Perinatal Education. Autore di A Free-Range Childhood, volume tradotto in diverse lingue.

PROGRAMMA

Lavorare con il campo della famiglia

Seminario I – 24-26 maggio 2019

Trovare il giusto ritmo e tono è essenziale per creare uno spazio sicuro che permetta di andare in profondità nel lavoro con i neonati e con i bambini. Questo modulo si focalizza sul costruire la fiducia nel campo relazionale della famiglia. Temi del modulo: Supportare i bisogni dei genitori in modo empatico – Identificare la soglia di tolleranza all’interno del family field – Negoziare il permesso di lavorare con i bambini e i loro genitori – Comprendere le conseguenze di un trauma non risolto in relazione al bonding e all’attaccamento – Identificare il lato di nascita – Imparare a differenziare tra un pianto che esprime un bisogno e un pianto che racconta e ricorda un vissuto (‘needs crying’ and ‘memory crying’)

I temi della nascita e le competenze diagnostiche nel lavoro con i bebè

Seminario II 27-29 settembre 2019

Questo modulo guarda alla nascita dalla prospettiva del bambino. I partecipanti impareranno a: Identificare i pattern della nascita e il Baby Body Language attraverso cui i bambini cercano di raccontare la loro esperienza di nascita – Supportare le storie di nascita con un’empatia accurata – Aiutare i genitori a comprendere ciò che i loro bimbi stanno esprimendo e supportare la risoluzione di shock e traumi che ancora sono presenti nel campo familiare – Riconoscere le dinamiche relazionali tra mamma e bambino durante la nascita – Identificare la ‘Possibility Zone’ all’interno della quale è possibile la risoluzione del trauma di nascita – Sviluppare ‘mirroring skills’ per creare un rapporto empatico con il bambino – Comprendere le conseguenze di temi della nascita non risolti sulla vita adulta – Tecniche di palpazione per i pattern della nascita.

Gli interventi osterici alla nascita e le loro conseguenze

Seminario III 29 nov. – 1 dic. 2019

Gli interventi alla nascita si possono distinguere in meccanici (come forcipe, ventosa, cesareo) e chimici come l’anestesia e i farmaci che inducono il parto. Questi interventi creano un’impronta nella psiche del bebè e hanno conseguenze a lungo temine. I partecipanti impareranno a: Riconoscere l’impatto degli interventi ostetrici – Aiutare i genitori a identificare questi interventi quando si manifestano nei comportamenti dei loro bambini e a supportarli nel superamento di imprinting limitanti – Supportare i bebè con tecniche di movimento che facilitano il completamento dei processi di nascita che sono stati interrotti dagli interventi ostetrici – Riconoscere gli stili di ricapitolazione relativi ai pattern e interventi di nascita.

Tematiche prenatali e competenze diagnostiche nel lavoro con i bebè

Seminario IV 17-19 aprile 2020

La ricerca nel campo della psicologia pre e perinatale rivela che la vita prenatale ha un impatto importante nel nostro senso del sé e del mondo. Questo modulo esplora il tema della “consapevolezza prenatale” e insegna a: Identificare i temi del prenatale così come vengono espressi nel Baby Body Language – Diventare consapevoli dell’esperienza cellulare espressa a livello dell’organismo – Riconoscere la ‘Sindrome del gemello perduto’ e supportare la famiglia a onorarlo – Supportare, con empatia accurata, le storie che i bambini raccontano del loro periodo prenatale.  – Lavorare con gli shock e i traumi del prenatale all’interno del campo relazionale della famiglia.

La relazione ombelicale

Seminario V 2-4 ottobre 2020

La relazione ombelicale tra il prenato e la madre influenza tutte le relazioni future, inclusa quella tra madre e bambino dopo la nascita. Questo modulo si focalizza sul tono emozionale associato alle emozioni materne e alle tossine esterne, sul ruolo della placenta e il taglio del cordone. Temi del modulo: Introduzione alle strutture e alle funzioni del cordone ombelicale durante il periodo prenatale – Comprensione dei cambiamenti fisiologici che accadono durante il taglio del cordone – Consapevolezza delle dinamiche ombelicali al lavoro nel campo di relazione – Palpazione e risoluzione degli shock ombelicali collegati al taglio precoce del cordone – Riconoscere la sindrome del primo respiro – Supportare le dinamiche ombelicali del bambino con empatia accurata – Riconoscere le conseguenze psicologiche e fisiche dei traumi ombelicali non risolti.

Oltre la Nascita

Seminario VI 12-14 febbraio 2021

In questo seminario ritorniamo alla tema della nascita e ci focalizziamo su specifici problemi che possono emergere da traumi prenatali e di nascita non risolti. L’enfasi non è solo sul trattamento, ma sul supportare ed educare i genitori a capire cosa sta accadendo ai loro bambini e in loro stessi. I partecipanti impareranno a: Riconoscere l’importanza del ‘Field of the Womb’, del Campo dell’Utero che si estende di 9 mesi dopo la nascita – Approfondire competenze di ascolto e presenza che possano supportare genitori e bambini sotto stress – Identificare gli stili di respiro e la loro relazione con lo stress (sia nei bambini che nei genitori) – Riconoscere come i temi prenatali e di nascita possono interferire con il bonding e l’allattamento al seno – Sviluppare risorse nei genitori per tollerare il pianto di memoria – Aiutare i genitori a supportare i loro bambini anche fuori dalla seduta – Sviluppare una self-care per il practitioner.

La Bioenergia della Salute

Seminario VII 14-16 maggio 2021

La Bioenergia della salute viene definita da Rollin Recker come una forza ritmica che “inizia al momento del concepimento e continua fino all’ultimo momento della vita”. Questo modulo esplora la relazione tra la nostra capacità di esprimere la bioenergia della salute, gli stati autonomici e la qualità di holding nel campo di relazione. Il focus è supportare la salute, il bonding e l’attaccamento. Temi del modulo: Il ruolo delle biodinamiche embrionali nel dare forma e sostegno al sistema umano – Come gli stati autonomici disturbano o supportano il bonding e l’attaccamento – La teoria polivagale e il ruolo del sistema di coinvolgimento sociale – Il ruolo dell’armatura come un riflesso di autoprotezione nel bambino – Lavorare in maniera sensibile con il contatto oculare – Comprendere la relazione tra emozioni e salute.

Transizioni

Seminario VIII 17-19 settembre 2021

I momenti di transizione nel periodo neonatale, nell’infanzia e nell’adolescenza, sono passaggi evolutivi molto importanti. Questo modulo guarda alle sfide che questi momenti pongono in relazione al temi prenatali e natali. I traumi irrisolti riappaiono nei problemi di salute e di comportamento e sono spesso rinforzati dalla mancata consapevolezza che, all’origine di queste difficoltà, c’è un vissuto che risale alle primissime fasi della vita. Temi del modulo: Lavorare con i bambini più grandi e con gli adolescenti – Identificare i periodi di transizione più importanti e su come questi possono ristimolare i traumi precoci – Aiutare i genitori a riconoscere i temi specifici prenatali e di nascita con cui il bambino sta combattendo e a sviluppare strategie di supporto – Riconoscere i diversi stili di attaccamento e come questi possono essere in relazione con le esperienze prenatali e di nascita – Comprendere che introdurre precocemente la Integrative Baby Therapy può aiutare a creare benessere fisico e psichico attraverso infanzia, adolescenza e vita adulta .